Body language

I democratici americani non credono che Trump e Tillerson dicano la verità sull’incontro avuto con Putin al G 20 di Amburgo. Non avendo potuto infilare una cimice, come largamente praticato da questi paladini della democrazia e della privacy nei confronti dei repubblicani e di milioni di cittadini ignari di essere spiati, ora tentano di decifrare cosa si siano detti, studiando il linguaggio dei loro corpi.

 

Dunque è con questi metodi che i media democratici inventano le loro “fake news” e pretendono che gli americani credano alla loro verità rivelata attraverso una palla di cristallo? In realtà la gente non crede più ai media neppure per le previsioni del tempo.

L’incubo dei democratici

Il peggior incubo dei democratici americani non è Trump. E’ Trump+Putin e l’imminente arrivo dei Russi. Per questo, ispirandosi alla lotta partigiana, si stanno preparando alla Resistenza, guidati da Hillary Clinton, nome di battaglia, WetDiaper (PannolinoBagnato).

Liberals?

L’ Impero del Male allunga la sua ombra sinistra sul pianeta.
No, non la Russia o Trump.
Sono i democratici-
-fascisti.

Festeggiando con Putin

Il problema ora è: se è vero che i Russi hanno tentato di influenzare le elezioni americane hackerando l’email di un certo Podesta che usava come password la parola “password” e questo va considerato un atto di guerra, cosa vorrebbe fare Obama, dopo aver tollerato negli scorsi anni ben più gravi violazioni della cybersecurity americana da parte di cinesi (hackerati più di 20 milioni di files con i dati degli impiegati nel settore pubblico) e Nord Corea, a 13 giorni dalla fine del suo mandato? Lanciare un missile con testata nucleare sul Cremlino?
A proposito anch’io ho celebrato la vittoria di Donald Trump. Che altro aspettarsi da uno che si chiama Perestroika?

English translation
click here

Celebrating with Putin

The problem now is: if it is true that the Russians have tried to influence the American elections hacking the emails of a certain Podesta who was using as a password the word “password” and this should be considered as an act of war, what would Obama be willing to do after tolerating in the last years far more serious violations of the American cybersecurity by Chinese (hacked more than 20 million files with data of employees in the public sector) and North Korea, 13 days before the end of his mandate? Launch a nuke on the Kremlin?
By the way, I also celebrated the victory of Donald Trump. What else to expect from someone called Perestroika?

Il Sensale

(ANSA) – BRUXELLES, 19 GIU – “Abbiamo parlato del gas e in Ucraina c’è una situazione di emergenza. Si tratta di trovare un accordo tra ciò che la Federazione russa mette sul tavolo come contributo e l’Unione europea. Si tratta di una somma non minore di 3-4 miliardi di euro”. Lo afferma il premier Silvio Berlusconi, nel corso della conferenza stampa al termine del vertice europeo. (ANSA).