Quando il potere logora chi non ce l’ha

Il ritorno di Obama segna il punto più basso dell’identità del Partito Democratico, che aldilà della resistenza, dell’ostruzionismo, dell’opposizione cieca, bugiarda e autolesionista non ha saputo andare, lasciando sul campo di battaglia un unico vincitore, il Presidente Trump, anche se ogni giorno, come disperati, i sedicenti liberaldemocratici cercano di usare altra benzina da buttare sul fuoco, nella speranza di alimentare una opposizione senza quartiere.

 

Ogni giorno i pundit dei media rinnovano la speranza di vedere il Presidente nella polvere facendosi cullare dalla speranza di un suo passo falso, riciclando vecchie storie usurate, alimentando una continua caccia alle streghe. Anche il ritorno di Obama non aiuta il recupero della lucidità da parte dei democratici ed alimenta la divisione interna del partito. Si intravedono tempi bui ed elezioni a medio termine i cui risultati saranno ben diversi da quelli sperati.

 

Non ci credete? Pensate che lo Speciale Counsel, Robert Mueller, sistemerà le cose a favore dei democratici? Lasciate ogni speranza voi che entrate: l’inchiesta sulle collusioni con i russi è a un vicolo cieco e la ruota della fortuna cambierà direzione.

Pokemon o House of Cards?

Dunque crooked Hillary ha perso le elezioni perchè Putin ha diffuso fake news sulla candidata democratica utilizzando i social media, in particolare alcuni “games” come Pokemon e pagando avvisi commerciali e video contro la donna da lui più odiata al mondo.

 

In realtà, non trovando le prove di un crimine che non è neanche un crimine, i democratici, senza vergogna per la loro imbecillagine, stanno raschiando il fondo di un romanzo che giorno dopo giorno allontana sempre più il suo ultimo capitolo.

 

Intanto, finalmente, l’FBI sta ora indagando su qualcosa di più concreto e criminale di una “collusion”: l’agenzia federale ha raccolto una moltitudine di documenti, registrazioni segrete, email intercettate, dati fiscali e conti bancari che provano il pagamento da parte della Russia di milioni di dollari alla Clinton Foundation e di migliaia di dollari direttamente nelle tasche di Bill Clinton per la vendita, approvata all’unanimità dall’amministrazione Obama quando Segretario di Stato era ancora Hillary Clinton, di un quinto dell’uranio di proprietà degli Stati Uniti alla Russia.

 

Come se non bastasse, tutto sarebbe accaduto sotto l’attenta disattenzione dell’allora Direttore dell’FBI che, guarda caso, si chiamava Robert Muller, Bob per gli amici. Non solo lo “Special Counsel” Mueller è legato all’imbroglio dell’uranio, ma anche il supervisore dell’inchiesta, fu l’allora avvocato americano Rod Rosenstein. Rosenstein, nominato da Obama vice procuratore generale e dopo che Jeff Sessions si è ritirato dal caso “Russia collusion”, ha deciso di nominare nessun altro se non Mueller come consigliere speciale per questa inchiesta.

 

Nello stesso periodo James Comey si faceva le ossa alla scuola di Mueller, imparando alla svelta e mettendo a profitto le lezioni del suo maestro. Così veniamo a sapere che l’ineffabile Direttore aveva già deciso, prima ancora di cominciare ad investigare sulle email di Hillary, di scagionarla dalle accuse, anche perchè pressato dal Procuratore Generale, Loretta Lynch, ora anche lei sotto investigazione e interrogata a porte chiuse dalla Commissione Giustizia del Senato americano.

 

Con i reati di cui sono accusati, Obama, Comey, Loretta Lynch, Hillary Clinton, Rosenstein e Mueller potrebbero finire all’ergastolo. Invece non succederà niente. I media americani hanno già deciso che questa storia va insabbiata rapidamente e che la caccia alle streghe contro Trump deve continuare. Non rimane che prendere atto che libertà di parola e giornalismo riposano sotto alcuni metri di fango e che è in atto un colpo di stato per espropriare gli americani dei loro diritti politici e costituzionali.

Arrivano i generali

Erano già presenti con una buona delegazione, ma ora, dopo il passaggio del Generale in pensione John Kelly da Homeland (sicurezza nazionale) a Direttore dello staff della Casa Bianca, i Generali occupano i posti chiave dell’amministrazione Trump, con McMaster al Consiglio per la Sicurezza Nazionale e Mattis “Mad Dog” alla Difesa.

 

Trump ama i “suoi” Generali che, finora, non l’hanno mai tradito e anzi gli hanno dato sempre ampia copertura ogni volta che il Presidente ha abbassato la guardia di fronte agli attacchi dei democratici e dei media. Ultimamente Trump si è lasciato conquistare da un mastino napoletano che, nel giro di pochi giorni ha individuato la fonte confidenziale che dall’interno della Casa Bianca passava pettegolezzi e notizie ai giornalisti.

 

Purtroppo la cura si è rivelata peggiore della malattia perchè il mastino si è scatenato in una caccia all’uomo che ha messo sottosopra l’intera Washington DC e alla fine ha dovuto rassegnare le dimissioni perchè il Generale Kelly ha chiesto la sua testa per accettare l’incarico di Direttore dello staff della Casa Bianca.

 

Gli americani, sia democratici che repubblicani, di qualunque colore e bandiera essi siano, hanno un rispetto sacro per i militari e se qualcuno in Italia non lo sapesse, sono il popolo più militarista e guerrafondaio di tutto il mondo. Così per un giorno gli attacchi a Trump sono passati in sottofondo e hanno quasi salutato la sua scelta come un’ispirazione divina.

 

La tregua è durata solo lo spazio di una giornata, ma questa volta con una novità: non c’è più ora solo Trump ad essere seppellito sotto tonnellate di fango e fake news. Ad essere attaccato e minacciato è anche un giornalista di Fox News, Sean Hannity, uno dei pochi rimasti a fare il proprio lavoro, inchieste e non propaganda, e che si è permesso di mettere il naso in alcuni scandali in cui sono coinvolti Obama e la sua amministrazione, Hillary Clinton, l’ambasciata di Ucraina, l’FBI, haker che nulla hanno a che vedere con la Russia, tutti insieme appassionatamente intenti a spiare Trump e a fabbricare falsi dossier contro il 45º Presidente degli Stati Uniti d’America.

La spia che venne dal freddo

L’avvocatessa russa Natalia Veselnitskaya (a sinistra) e Loretta Lynch, che la autorizzò con un permesso straordinario e speciale a entrare negli Stati Uniti prima del meeting con Trump Junior.

Ai democratici non è rimasto che chiedere senza molta convinzione e alla spicciolata l’impeachement del Presidente con la motivazione che loro ci hanno provato a trovare delle evidenze che inchiodassero Trump ma anche non avendole trovate il Presidente deve essere comunque colpevole.

 

Se non fosse così non sarebbe una vera caccia alle streghe! In questi giorni i liberal si strappano i capelli (e chiudono gli occhi sulla banda dei quattro: Obama, H.Clinton, Comey, Loretta Lynch) per un meeting che nemmeno si è tenuto ma che dimostrerebbe l’intento criminale dei Trumpisti di colludere con una stella pop russa e un avvocato del Cremlino che ottenne una VISA straordinaria e speciale, indovinate autorizzata da chi? Ma da Loretta Lynch ovviamente, il Procuratore Generale di Obama!!!

 

Così la Mata Hari venuta dal freddo si è data da fare come provocatrice con Trump organizzandogli una trappola per il figlio mentre dall’altra parte lavorava al finto dossier su Tramp, commissionato ad un ex agente del servizio segreto britannico da Hillary Clinton. Ricordate le notti folli di Trump in un Hotel di Sanpietroburgo con la doccia “dorata” di otto prostitute di alto bordo sul Presidente? Ecco, proprio quello.

 

I democratici sono riusciti a bloccare in questo modo, per 6 mesi, il Presidente Trump: investigazioni senza un crimine, isteria collettiva e ossessiva nei confronti dei russi senza un fatto ed un’evidenza, accuse di intralcio alla giustizia per un crimine che neppure esiste. Questo è l’ambiente dove si consuma la fine della politica e dei media americani. Più a lungo continua la caccia alle streghe, e più i media perdono credibilità con il pubblico.

 

Alla fine rimarrà uno solo, un gladiatore, uno Spartacus che sta lottando per la caduta dell’impero, spazzando via tutta la corruzione che blocca la rinascita degli Stati Uniti d’America. In CNN sono alla frutta e si stanno già cercando un altro lavoro. Tempi duri per i pundit!

L’eredità di Obama

Avevo anticipato ieri che Barak Obama sapeva già da un anno che il Presidente Putin in persona aveva ordinato di “sconfiggere o almeno danneggiare Hillary Clinton, ed aiutare l’elezione del suo oppositore Donald Trump”. È il contenuto del rapporto speciale della Cia, top secret, consegnato a Barack Obama nell’agosto 2016.

 

Naturalmente non ci sono evidenze nel rapporto, così come in tutta l’inchiesta sulle interferenze russe nella campagna elettorale americana del 2016, che provino queste accuse. Comunque, perchè Obama non fece un discorso alla nazione denunciando l’aggressione cybernetica dei russi e aspettò cinque mesi per sanzionare i russi con il simbolico allontanamento dal suolo degli Stati Uniti dei diplomatici e delle loro famiglie?

 

Non è un po’ poco per quello che l’articolo del Washington Post definisce “il crimine politico del secolo, un attacco alla democrazia americana destabilizzante, senza precedenti, e coronato dal successo”?. Anche il capo dello staff di Obama, Denis McDonough, sostiene che il presidente giudicò subito quella vicenda come “un attacco al cuore del nostro sistema”. Diversi collaboratori dell’ex presidente ora sembrano convinti che la reazione non fu affatto adeguata alla gravità dell’attacco.

 

La cosa che più urta è che tutta la storia sembra una montatura della precedente amministrazione supportata dai Servizi segreti oppure, viceversa, orchestrata dai servizi segreti con il supporto dell’ex Presidente e nessuno alza la sua voce per difendere il Presidente Trump e la democrazia negli Stati Uniti.

 

E’ paradossale che i politici americani considerino gli Stati Uniti come la culla della democrazia quando invece sono diventati la patria dell’estremismo, dell’intolleranza, del liberal-fascismo e il popolo è trattato come un popolo di imbecilli da usare come marionette. Ma il popolo è stanco di questo melodramma che sta portando il paese alla rovina economica e sull’orlo della guerra civile.

Asini che volano

Nuova devastante sconfitta dei democratici e nuova, netta vittoria del Presidente Trump in Georgia e in Sud Carolina, a dimostrazione che i sondaggi non ne azzeccano una e probabilmente sono anche truccati per dare agli attivisti dell’asinello democratico quell’entusiasmo che hanno perso con la batosta di Novembre.

I pundit democratici cercano oggi di distogliere l’attenzione dalla debacle che hanno vissuto ieri, enfatizzando le dichiarazioni odierne all’audizione davanti alla commissione intel del Senato dell’ex Segretario di Homeland Security, Jeh Johnson, secondo cui gli haker russi attaccarono massicciamente la campagna elettorale dei democratici nel 2016.

Purtroppo per loro Johnson si è trovato in grossa difficoltà nel fornire una spiegazione credibile del perchè il Presidente Obama non abbia informato la nazione del presunto cybor attacco.

Anche in questa audizione non è stata presentata alcuna prova o evidenza dell’intervento russo o di una collusione di Putin con Trump. Così, mentre gli elettori continuano a suonarli, i democratici continuano a dirci di aver visto gli asini volare.

Disturbati

Basati su credenze e emozioni incredibilmente irrazionali, i liberali moderni minacciano in modo incessante i più importanti principi su cui si fondano le nostre libertà, afferma il dottor Lyle Rossiter, autore del libro “The Liberal Mind: le cause psicologiche della follia politica”.

Come bambini viziati e arrabbiati, si ribellano contro le normali responsabilità dell’età adulta e richiedono che un governo genitoriale soddisfi le proprie esigenze dalla culla alla tomba.  Rossiter afferma che il tipo di liberalismo esposto sia da Barack Obama che da Hillary Clinton può essere interpretato come un disturbo psicologico. Parole sacrosante. Fidatevi di un vecchio socialista come me.

Isteria di massa

Media e politicanti democratici tentano disperatamente di tenere in piedi il loro castello di sabbia in  quello che è diventato un indiscriminato attacco contro l’amministrazione Trump senza evidenze e prove di un reato ma presentando qualsiasi azione e dichiarazione dell’avversario che li sta distruggendo come un crimine da usare per il suo “impeachment”.

Quotidianamente assistiamo a fughe di notizie provenienti da fonti anonime che ancora lavorano per Obama, rimanendo nascosti e nell’ombra, poiché sanno di commettere un gravissimo crimine, alto tradimento, questo sì punibile con anni e anni di galera. Purtroppo scambiano un irreale incubo per realtà, i loro desideri per la Verità.

Sono arrivati al punto di teorizzare il bombardamento dell’aeroporto militare di Damasco come concordato tra Putin e Trump, cosicché Trump potesse dimostrare di non essere il pupazzetto dei russi. Comunque basta una mezzora di CNN o uno degli altri canali televisivi tutti “campaining” contro Trump per rendersi conto di come l’isteria di massa stia dilagando in America. L’ultimo sondaggio basato su dati statistici raccolti da una Università americana mostrava, pochi giorni fa, che il tempo dedicato a criticare negativamente Trump e i suoi uomini era pari al 90% del tempo totale delle trasmissioni, per CNN addirittura il 93%.

Il 90% dei media sono nelle mani dei poteri economici forti, il cosiddetto “establishment”, che vuole mantenere lo status quo (Wall Street, grandi Banche e Finanziarie, le industrie farmaceutiche, i grandi fondi di investimento, Soros), e sono terrorizzati da Trump e dai suoi milioni di supporter che vogliono sicurezza e confini sicuri, la ripresa economica, creare milioni di nuovi posti di lavoro,  un sistema sanitario che funzioni e non come quello di Obama i cui premi pagati dalla povera gente sono aumentati anche più del 100%solo in quest’ultimo anno, un forte taglio delle tasse per la “middle class” e per chi investe in attività produttive e infine ripulire Washington dalla corruzione e dalle lobbies,

Trump sta cercando di attuare questo programma ma è un’impresa difficile con il Congresso e il Senato americani impegnati in tre inchieste parlamentari sui presunti reati commessi da Trump, inchieste che costano miliardi ai contributori e drenano tutto il tempo e le risorse che potrebbero invece essere dedicate alle attività legislative per realizzare il programma di chi ha votato e fatto vincere Trump.

Oltre queste tre inchieste (collusione con i russi, intralcio alla giustizia, passaggio a Paesi ostili di notizie classificate) c’è infine l’inchiesta dello speciale investigatore nominato dal Dipartimento della Giustizia, l’ex Direttore dell”FBI, Robert Mueller che, praticamente, supervisiona tutte le inchieste ed ha il potere di mantenere il segreto su tutti i documenti, le evidenze e prove eventualmente collezionate e non condividerle con nessuna delle commissioni.

I democratici e i sedicenti giornalisti dei canali partigiani avranno un amaro risveglio quando Comey sarà indiziato di reato per non aver denunciato Trump se è vero che la sua memo dimostrerà che Trump cercò  di bloccare l’inchiesta della collusione con i russi. Ce ne sarà per tutti: Hillary Clinton e le sue email, Bill Clinton e il suo incontro segreto con Loretta Lynch, i responsabili delle fughe di notizie, lo spionaggio dell’amministrazione Obama ai danni di migliaia di cittadini americani e di Donald Trump. Vedremo anche qualche giornalista e “gola profonda” finire in galera.

Non mi credete? Ci vediamo alla prossima puntata, con l’esplosione psicotica dei “resistenti”.

 

 

 

 

 

 

 

I soliti noti

James R. Clapper, ex direttore della National Intelligence, ha dichiarato questa mattina di giudicare il licenziamento del direttore dell’FBI, James Comey, molto inquietante e che il sistema di pesi e contrappesi in vigore nel paese sono “sotto attacco” da parte del Presidente Trump.

Ora tutti conoscono Cappler e sanno che forse, dopo crooked Hillary è il più famoso bugiardo degli Stati Uniti, essendo stato preso con le dita nella marmellata quando nel 2013, sotto giuramento, negò di aver registrato milioni di telefonate degli americani.

Giusto fino a due giorni fa affermava che non erano state trovate evidenze di un coordinamento tra i russi e Trump per vincere le elezioni americane. Ora, improvvisamente, fa questa gravissima dichiarazione con la quale accusa i russi di aver condotto un attacco vincente contro gli Stati Uniti e Trump di essere un pericolo per le istituzioni.

Evidentemente dal quartier generale dal quale anche lui prendeva gli ordini prima di andare in pensione è partito l’ultimo disperato tentativo di fermare la verità. Ormai solo i democratici fanno finta di non saperlo, ma la loro inchiesta è finita nella spazzatura. L’America ora vuol sapere della banda dei sette.