Grande Giornalismo

L’ultimo dell”anno, nel corso della trasmissione della CNN “Alla vigilia del Nuovo Anno”, Brook Baldwin si è vantata di avere le palle più grandi di quelle di Don Lemon.  “A proposito,” dice Brooke Baldwin a un ubriaco Lemon che lancia perline a New Orleans, “le mie palle sono più grandi delle tue palle.”

 

Io non ho dubbi su questa affermazione, non avendoli neppure Don Lemon, che risponde con un “Probabilmente”, ma mi chiedo per quale motivo la CNN tolleri che i propri giornalisti vadano in giro ubriachi, con al collo collanine di perline, danzando con un parasole riesumato dall’ultimo Gay Pride Day. Una mela è una mela, ma una banana rimane una banana, giusto?

Liberal e caporali

I luddisti americani di sinistra che abbattono statue, come simboli di un passato che non conoscono neanche tanto bene, in fondo non fanno un gran danno: la storia degli Stati Uniti non è poi così importante quanto la Stele di Rosetta.

 

Quello che preoccupa invece è la teoria di Don Lemon e dei suoi compagni di merende in CNN che il nazismo e il comunismo non sono le due facce di una stessa medaglia.

 

Forse ignora che Hitler uccise almeno 5 milioni di ebrei, zingari e omosessuali, ma baffone Stalin, nello stesso periodo di tempo, in nome della rivoluzione, della giustizia sociale e della democrazia dei soviet riuscì ad eliminare almeno altri 20 milioni di ebrei, zingari, omosessuali, controrivoluzionari, dissidenti, credenti di ogni religione e chiunque potesse costituire, anche solo potenzialmente, una voce critica del regime “democratico”.