Page 2 of 44

Nozze Reali

Abbiamo appena finito di vedere la seconda stagione della Serie TV “The Crown” e ancora una volta siamo costretti a dire che la realtà ha superato la fantasia storica degli autori.

 

C’è grande imbarazzo alla Corte della Regina Elisabetta per il matrimonio del Principe Harry, ma non per la inconsueta scelta della sposa, bensì per la partecipazione di Barak Obama alle nozze.

 

Colpa del principino? No, colpa dell’ex Presidente degli Stati Uniti d’America che si è autoinvitato alle nozze non avendo ancora capito di essere un EX, appunto, e continua ancora a credere che la sua presenza nella Storia dell’umanità sia indispensabile e non debba avere limiti e confini.

 

Ma se Obama sta diventando un caso patologico, la vecchia Regina rimane vigile e attenta all’etichetta reale. Per questo ha chiesto ad Henry di ritirare l’invito ma nello stesso tempo non ha detto se inviterà Trump. Tempi difficili per le monarchie! Vedremo come farà la Regina d’Inghilterra a prendere due piccioni con una fava.

Marci e fasulli

Eventualmente, solo i media di sinistra, in America, hanno il diritto di criticare l’FBI. La CNN rilascia anche i permit.

il Canto delle Sirene

I democratici americani dicono quotidianamente di essere preoccupati che il Presidente Trump voglia licenziare in tronco l’investigatore speciale Robert Mueller che sta indagando sulle presunte collusioni tra il Presidente ed i russi.

 

Mueller non ha trovato nemmeno il lontano odore di un crimine collegato ai russi ma continua a cercare e probabilmente cercherebbe per decenni se non fosse fermato dalla sua venerabile età.

 

Comunque sia, Trump ha smentito parecchie volte di avere l’intenzione di licenziare Mueller: per quale ragione dovrebbe farlo se Mueller è pronto ad esonerarlo dall’indagine prima della sua conclusione come già fece l’amico Comey con la superprotetta Hillary Clinton? Pari opportunità.

 

O forse le sirene democratiche cantano per provocare una crisi costituzionale che nessuno, da queste parti, sa nemmeno di che si tratti?

 

I Cavalieri dell’Apocalisse

«In migliaia moriranno a causa dei tagli delle tasse. Sarà Armageddon, la fine del mondo». Questo il pacato e ponderato commento della leader del Partito democratico, Nancy Pelosi, sull’approvazione del più ampio taglio delle tasse mai realizzato nella storia degli Stati Uniti d’America. Un’altra vittoria del Presidente Donald Trump, con la quale si realizza una delle sue promesse più importanti fatte in campagna elettorale.

 

Intanto continua la caccia alle streghe con l’inchiesta “Russia collusion”. L’inchiesta, dopo un anno e mezzo, non ha trovato nemmeno una evidenza che provi le accuse dei democratici. Il tribunale speciale messo in piedi per eliminare Trump è quanto di più partigiano si potesse inventare. Alcuni suoi membri hanno anche partecipato all’inchiesta su Hillary Clinton, aiutandola ad evitare la messa sotto accusa per la vicenda dei server privati e delle trantamila email cancellate, esonerandola dal testimoniare sotto giuramento e assolvendola ancor prima di aver terminato l’inchiesta.

 

Ora Mueller e i compagni del quartierino si trovano di fronte ad un bivio: o continuare con l’inchiesta usando due pesi e due misure per Hillary e Trump e tutti i trucchi leciti e illeciti per estorcere qualsiasi tipo di confessione agli inquisiti ma con il rischio sempre più concreto di essere a loro volta accusati ed indagati, o chiudere rapidamente l’indagine, con una assoluzione generale. In entrambi i casi a vincere è sempre lui: Donald Trump.

 

 

Piraña

Si sono avventati sulla preda come famelici piraña a digiuno da mesi, materializzando le più scombussolate e deliranti visioni di complotti e messe in stato di accusa (impeachment). Per cosa? Per il nulla, il niente, un buco nero dove si sono riversati urlando e agitandosi elettrizzati dalla novità di avere una dichiarazione di colpevolezza da parte del più compromesso nella indagine sulle collusioni di “Russia connection”, il generale Michael Flynn.

 

In realtà si tratta di un brodino riscaldato, l’ammissione di colpevolezza per aver mentito alla FBI. Cosa risaputa sin dal Febbraio di quest’anno, quando Sally Yates, nelle sue funzioni di Procuratore Federale della Casa Bianca, avvertì il Presidente Trump che Michael Flynn aveva ingannato il team di transizione e gli investigatori non dicendo la verità sulla vera natura delle sue comunicazioni con l’ambasciatore russo.

 

La verità è che questa investigazione non ha portato e non porterà da nessuna parte. Non esiste il delitto, quindi non ci sono evidenze di colpevolezza se non in alcuni casi che hanno portato alla scoperta di altri singoli e differenti criminali comportamenti, come evasione fiscale e riciclaggio, che nulla hanno a che vedere con questa investigazione sulle “collusioni”.

 

I media-stream rischiano la morte per asfissia. Solo il 20% degli americani crede che dicano la verità. Ora arrivano anche le sospensioni di giornalisti che fabbricano “fake news”. Il giornalismo sembra finito nella partigianeria e nel controllo assoluto da parte della sinistra. Sapete come è andata a finire con quel guardiano di pecore che gridava “al lupo, al lupo”.

il Signore sì che se ne intende!

Robert Mueller, l’investigatore speciale che indaga sulla Casa Bianca,  è all’ultima spiaggia. Non avendo la minima evidenza o prova di un ipotetico reato che nemmeno esiste nelle leggi americane, usa il ricatto mafioso o i sistemi della gestapo, se preferite, per ottenere qualche risultato nella sua inchiesta sulle presunte interferenze russe nelle elezioni americane.

 

Se tu non confessi quello che voglio io, ti accuserò di un reato per cui potresti avere l’ergastolo. Se tu non parli e confessi di aver rubato delle mele ti accuserò di tali e tanti reati che per qualcuno sarai condannato. Questa la tecnica che spesso ha successo per prendere altri pesci nella rete. Tecnica che Mueller sta usando con Michael Flynn, ex security adviser, e suo figlio, paventando loro l’accusa di rapimento di un ecclesiastico turco rifugiato negli Stati Uniti e per il quale Erdogan avrebbe offerto ai Flynn 15 milioni di dollari per la sua deportazione in Turchia.

 

Ovviamente l’ecclesiastico non è stato rapito ed è protetto adeguatamente dall’amministrazione Trump, i Flynn non hanno mai accarezzato l’idea di accettare un’ offerta simile e il Presidente turco probabilmente di farla, disponendo di altre armi “legali” per fare pressioni sull’amministrazione federale e sul Congresso. Ma Flynn è preoccupato soprattutto per il figlio che rischia comunque qualche anno di galera e potrebbe arrendersi al ricatto di questo superpoliziotto che non risponde a nessuno del suo operato.

 

Intanto i media americani vanno avanti nelle prove generali del nuovo maccartismo e della caccia alle streghe affinando i loro metodi e sistemi di distruzione di massa attraverso la diffamazione o diffondendo direttamente false news. Il loro target, qualche candidato repubblicano, per bilanciare gli ultimi scandali sessuali che hanno visto come protagonisti dei democratici. Tutti i repubblicani sono diventati pedofili e naturalmente, meglio un democratico molestatore sessuale che un repubblicano pedofilo.

 

Se non l’avete ancora capito i fascisti qui sono i liberal-democratici che vogliono imporre agli americani un modello che è stato sconfitto alle elezioni: una società assistenzialista governata dalla retorica, dalla demagogia e dalla violenza delle minoranze, manipolata dai servizi segreti, i media, i giudici di sinistra. E i Repubblicani? Se la fanno addosso.

 

Fratelli d’America

Primi mandati di cattura nell’inchiesta “Russia meddling” dello “special counsel” Robert Mueller: James Comey? Hillary Clinton? Loretta Lynch? Debbie Wasserman Schultz? i Fratelli Podesta? E a quando le dimissioni di Robert Mueller?

 

Venditore di noccioline?

A quanto pare, l’unico liberal-democratico americano ad aver capito che Trump è Presidente degli Stati Uniti per aver vinto le elezioni con il voto degli elettori americani e non perchè aiutato da Putin è l’ex Presidente Jimmy Carter. Come venditore di noccioline dimostra una gran classe, ma, di questi tempi, non è difficile avere anche un IQ superiore a quello di Nancy Pelosi, Chuck Schumer, Maxine Waters e Frederica Wilson messi insieme.

 

Pokemon o House of Cards?

Dunque crooked Hillary ha perso le elezioni perchè Putin ha diffuso fake news sulla candidata democratica utilizzando i social media, in particolare alcuni “games” come Pokemon e pagando avvisi commerciali e video contro la donna da lui più odiata al mondo.

 

In realtà, non trovando le prove di un crimine che non è neanche un crimine, i democratici, senza vergogna per la loro imbecillagine, stanno raschiando il fondo di un romanzo che giorno dopo giorno allontana sempre più il suo ultimo capitolo.

 

Intanto, finalmente, l’FBI sta ora indagando su qualcosa di più concreto e criminale di una “collusion”: l’agenzia federale ha raccolto una moltitudine di documenti, registrazioni segrete, email intercettate, dati fiscali e conti bancari che provano il pagamento da parte della Russia di milioni di dollari alla Clinton Foundation e di migliaia di dollari direttamente nelle tasche di Bill Clinton per la vendita, approvata all’unanimità dall’amministrazione Obama quando Segretario di Stato era ancora Hillary Clinton, di un quinto dell’uranio di proprietà degli Stati Uniti alla Russia.

 

Come se non bastasse, tutto sarebbe accaduto sotto l’attenta disattenzione dell’allora Direttore dell’FBI che, guarda caso, si chiamava Robert Muller, Bob per gli amici. Non solo lo “Special Counsel” Mueller è legato all’imbroglio dell’uranio, ma anche il supervisore dell’inchiesta, fu l’allora avvocato americano Rod Rosenstein. Rosenstein, nominato da Obama vice procuratore generale e dopo che Jeff Sessions si è ritirato dal caso “Russia collusion”, ha deciso di nominare nessun altro se non Mueller come consigliere speciale per questa inchiesta.

 

Nello stesso periodo James Comey si faceva le ossa alla scuola di Mueller, imparando alla svelta e mettendo a profitto le lezioni del suo maestro. Così veniamo a sapere che l’ineffabile Direttore aveva già deciso, prima ancora di cominciare ad investigare sulle email di Hillary, di scagionarla dalle accuse, anche perchè pressato dal Procuratore Generale, Loretta Lynch, ora anche lei sotto investigazione e interrogata a porte chiuse dalla Commissione Giustizia del Senato americano.

 

Con i reati di cui sono accusati, Obama, Comey, Loretta Lynch, Hillary Clinton, Rosenstein e Mueller potrebbero finire all’ergastolo. Invece non succederà niente. I media americani hanno già deciso che questa storia va insabbiata rapidamente e che la caccia alle streghe contro Trump deve continuare. Non rimane che prendere atto che libertà di parola e giornalismo riposano sotto alcuni metri di fango e che è in atto un colpo di stato per espropriare gli americani dei loro diritti politici e costituzionali.