The Two Popes Part 1

The situation in the Vatican is arousing the doubts of many Catholics with the presence of two Popes on the bench of St. Peter. After the succession of the Polish Pope (John Paul II) with Pope Ratzinger, something unthinkable happened that takes us back a few centuries to troubled times of the Church in which usurpers, antipopes and antichrists were common.
Before our eyes, one of the most extraordinary events in history is taking place with the almost total indifference of the big media: no one dares to address the issue because it is really “too big.” In 2013, Pope Benedict renounced the ministerium, the practical exercise of power. According to a group of scholars who also investigated this big question, Benedict entered an impeded seat (canon 412), a juridical status where the pope is a prisoner but always remains the only legitimate pope. So the conclave of cardinals could not rightfully elect anyone.

It was said Benedict suffering from a sort of dementia, but just today is his birthday, 95 years old, and he is in great shape, physically and mentally, for sure better cognitive than Joe Biden or the same Francis who is forced to move in a wheelchair.  Pope Benedict is living in the Vatican, accepting interviews and private meetings, working and walking, preying in his Chapelle, and paying much attention, not validating in any way that Pope Bergoglio. So, what happened in 2013 is really a puzzle. I am not a Masonry or Jesuit conspiracy theorist, but it is a fact that there is a war between two-party in the Church, the “modernists” and the “conservatives.”  

I Due Papi

   La situazione in Vaticano sta suscitando i dubbi di molti cattolici con la presenza di due Papi sulla panchina di San Pietro. Dopo la successione del Papa polacco (Giovanni Paolo II) con Papa Ratzinger, accadde qualcosa di impensabile che ci riporta indietro di qualche secolo, a tempi travagliati della Chiesa in cui usurpatori, antipapi e anticristi non erano rari. Davanti ai nostri occhi, uno degli eventi più straordinari della storia si sta verificando con la quasi totale indifferenza dei grandi media: nessuno osa affrontare la questione perché è davvero “troppo grande”. Nel 2013, Papa Benedetto ha rinunciato al ministerium, l’esercizio pratico del potere. Secondo un gruppo di studiosi che ha indagato anche su questa grande questione, Benedetto è entrato in una sede impedita (canone 412), uno status giuridico in cui il papa è prigioniero, ma rimane sempre l’unico papa legittimo. Quindi il conclave dei cardinali non ha eletto nessuno.

Si diceva Benedetto affetto da una sorta di demenza ma proprio oggi è il suo compleanno, 95 anni, ed è in gran forma, fisicamente e mentalmente, sicuramente meglio cognitivamente, di Joe Biden o dello stesso Francesco che è costretto a muoversi su una sedia a rotelle.  Papa Benedetto vive in Vaticano, accetta interviste e incontri privati, lavora e cammina, prega nella sua Cappella, e presta molta attenzione a non convalidare, in alcun modo, Bergoglio, come Papa. Quindi quello che è successo nel 2013 è davvero un puzzle. Non sono un teorico della massoneria o della cospirazione gesuita, ma è un dato di fatto che

Leave a Reply

%d bloggers like this: