Chuck Schumer e Nancy Pelosi hanno fatto la scelta più sbagliata che avrebbero potuto fare i due portavoci democratici ormai in  attesa solo del pensionamento: spegnere il governo federale dimostrando di avere a cuore la situazione degli immigrati illegali più della sicurezza dei cittadini americani.

 

Gli americani hanno la memoria lunga e quando a novembre voteranno per reintegrare quella quarantina di deputati e senatori che lasciano Capitol Hill per raggiunti limiti di età o per aver molestato sessualmente impiegate e colleghe,  si ricorderanno di questo shutdown e puniranno senza pietà gli autori di questo “casino”.

 

Intanto i democratici ballano mentre la nave affonda lentamente nelle sabbie mobili. E questa settimana dovrebbero diventare pubblici i rapporti FBI con i quali vengono svelati i trucchetti e i trabocchetti con cui è stata manipolata e usata, non rispettando la legge e i diritti costituzionali, la sorveglianza dei membri del team Trump, ordinata dall’amministrazione Obama.

 

Nel frattempo continua lo stillicidio di messaggi di testo aggiuntivi tra due funzionari dell’FBI che sono stati rimossi dall’indagine del Consigliere speciale Robert Mueller sulla presunta collusione tra la campagna di Trump e funzionari russi.

Uno dei nuovi messaggi scoperti sembra indicare che Peter Strzok e Lisa Page sapevano che le accuse non sarebbero state presentate contro la candidata presidenziale del Partito democratico, Hillary Clinton, a seguito dell’indagine sul suo server di posta elettronica – prima che Hillary venisse intervistata dal bureau.

Strzok e Page sono stati rimossi dall’indagine la scorsa estate, dopo che è emerso che alcuni dei loro messaggi includevano contenuti anti-Trump. Strzok, un agente del controspionaggio dell’FBI, fu riassegnato alla divisione risorse umane dell’Ufficio di presidenza dopo la scoperta degli scambi con Page, con cui aveva una relazione.

Uno scambio di messaggi tra Strzok e Page, datato 1 luglio 2016, fa riferimento alla decisione del procuratore generale Loretta Lynch di accettare le conclusioni dell’FBI nell’indagine di Clinton. L’annuncio di Lynch è arrivato pochi giorni dopo che è stato rivelato che il procuratore generale e l’ex presidente Bill Clinton si erano incontrati segretamente a bordo del suo aereo a Phoenix.

‘La tempistica sembra infernale’, ha scritto Strzok. ‘Sì, è una tempistica terribile,’ concordò Page. In un messaggio successivo, aggiunge: ‘È un vero profilo in couragw [sic], dal momento che non sa che verranno addebitate spese.’

Quattro giorni dopo, l’allora direttore dell’FBI James Comey annunciava che non sarebbero state intentate accuse contro Clinton, anche se – come ha affermato – le sue azioni nei confronti del server privato erano ‘estremamente negligenti’.

Un altro scambio di messaggi del giorno prima fa riferimento a una modifica alla dichiarazione di Comey che chiudeva l’inchiesta. Mentre una precedente bozza della dichiarazione affermava che Clinton e il presidente Barack Obama avevano uno scambio di e-mail mentre Clinton era ‘sul territorio’ di un avversario ostile, il riferimento a Obama inizialmente fu cambiato in ‘funzionario governativo’ e poi omesso interamente nel versione finale.

Il mese scorso, il Dipartimento di Giustizia ha pubblicato centinaia di messaggi di testo che i due avevano scambiato prima di entrare a far parte dell’inchiesta Mueller. Molti si sono concentrati sulle loro osservazioni delle elezioni del 2016 e hanno incluso discussioni sull’indagine di Clinton. I repubblicani hanno sostenuto che la comunicazione rivela che l’FBI e il team di Mueller sono politicamente schierati e prevenuti contro Trump – affermazioni che Wray, il nuovo direttore dell’FBI, ha categoricamente respinto.

Il Dipartimento di Giustizia ha fornito a varie commissioni del Congresso circa 400 pagine di messaggi di testo aggiuntivi tra due funzionari dell’FBI che sono stati rimossi dall’indagine del Consigliere speciale Robert Mueller sulla presunta collusione tra la campagna di Trump e funzionari russi.

Secondo una lettera inviata al direttore dell’FBI, Christopher Wray, del senatore Ron Johnson, Repubblicano del Wisconsin, Presidente del Senate Homeland Security Committee, il dipartimento di giustizia ha fornito 384 pagine di messaggi ai Senatori, venerdì. Tuttavia, Johnson ha notato che i testi aggiuntivi inviati tra il 14 dicembre 2016 e il 17 maggio dello scorso anno non sono stati preservati dal sistema dell’FBI.

Nella lettera Johnson  chiede se l’FBI abbia registrato delle comunicazioni tra Strzok e Page durante quella finestra di cinque mesi e se l’FBI abbia controllato i loro telefoni non FBI, per ulteriori messaggi. Chiede anche ‘portata e propositi’ di qualsiasi altra documentazione dall’indagine di Clinton che sia andata perduta.

Una fonte dei comitati che hanno ricevuto i testi ha dichiarato ‘oltraggioso’ che l’FBI non avesse precedentemente indicato che esisteva una lacuna di cinque mesi nei messaggi. La fonte ha detto che spetterebbe all’FBI dimostrare che i testi mancanti non costituiscono ‘ostruzione’ della supervisione del Congresso o ‘distruzione delle prove’.

Bizzarro il comportamento dei democratici, per i quali esiste un solo criminale sulla faccia della terra e risponde al nome di Donald Trump: un unico, solitario democratico, ha preso visione della documentazione. Silenziosi anche i media Americani. Dopo due anni di bugie e fake news sarà comunque davvero complicato cambiare narrativa o fare finta di niente.

 

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s