Ricordate la divertente storiella del Cavaliere Bianco e del Cavaliere Nero raccontata da Gigi Proietti? In ogni caso, ve la ripropongo ancora e poi leggete sotto cosa ha a che fare con il Presidente Trump.

La morale è dunque che al cavaliere nero, alias Trump, non dovete c..à il ca..o.
Trump è impegnato in una guerra personale e promessa fatta ai suoi elettori di “drain the swamp” (sterminare qualcosa che è nocivo o qualsiasi cosa la maggior parte della gente odia come la corruzione o gli sprechi dei politici).

Tra le varie pulizie da fare c’è l’ardua impresa di mettere ordine in 16 agenzie di sicurezza varie che non rispondono più del loro operato  ai poteri costituzionalmente previsti ed operano come poteri separati e irresponsabili dello Stato spiando milioni di americani, entrando nelle loro vite private, nei loro telefonini, nei loro conti in banca e interferendo pesantemente  nella vita politica della nazione.

In questo senso è emblematica la vicenda dello spionaggio politico ai danni di Trump e del Partito Repubblicano, di cui vi darò conto nelle prossime puntate seguendo gli sviluppi clamorosi che sicuramente vi sorprenderanno. Per ora un piccolo assaggio.

Ancora una volta sembra che Trump avesse ragione: una stretta consulente di Obama, Susan Rice, ha collaborato nel monitoraggio del team elettorale del Presidente Trump, sin dal mese di giugno 2016, fino a marzo 2017 con conseguente spettacolo multimediale in corso sulla ‘collusione’ tra Trump e il Cremlino.

Le relazioni che la Rice ha chiesto di vedere sono tenute in condizioni strettamente controllate. Ogni persona deve registrare il suo nome prima di essere concesso l’accesso alle trascrizioni. Dopo aver appreso dei movimenti della Rice, H. R. McMaster [Sicurezza Nazionale] inviò il suo stretto collaboratore Derek Harvey a Capitol Hill per informare il Presidente della commissione, Nunes. Il presidente Obama ha iniziato allentando le norme in materia di ‘intercettazioni accidentali’ a partire dal 2011 – rendendo più facile per il governo degli Stati Uniti spiare individui che non sono l’obiettivo primario di un operazione di sorveglianza.

Come la sua presidenza volgeva al termine, aiutanti di Barack Obama effettuavano periodici controlli di routine sui rapporti di intelligence raccolti da intercettazioni accidentali dell’Agenzia di Sicurezza Nazionale (National Security Agency – NSA), approfittando di regole meno rigide che Obama, a partire dal 2011 ha introdotto per aiutare il governo a combattere meglio il terrorismo, lo spionaggio da psrte di nemici stranieri e le minacce di hacking. Ora indovinate chi chi aveva l’autorizzazione per rivelare i nomi di individui che sono stati ‘incidentalmente’ sorvegliati? L’ex direttore della CIA, John Brennan, ex procuratore generale Loretta Lynch, e consigliere per la Sicurezza Nazionale di Obama, Susan Rice. Degna di nota è l’affermazione che il giornalista del New York Times Maggie Haberman è stato seduto sulla storia Susan Rice per almeno due giorni.

Maggie Haberman ha avuto questa storia di Susan Rice per almeno 48 ore, e ha scelto di sedersi su di essa, nel tentativo di proteggere la reputazione dell’ex presidente Barack Obama. Fox News ha rivelato Venerdì che la sorveglianza che ha portato alla pubblicazione dei nomi delle persone soggette a questo controllo elettronico iniziato prima che Trump fosse nominato candidato per i repubblicani, e che la persona che ha “unmasked” i soggetti è una persona ‘molto in alto’ e ‘molto ben conosciuta’ nella comunità di sorveglianza – e non qualcuno dell’ FBI. Questo ovviamente ci pone la domanda se il presidente Obama ordinò alla Rice di eseguire lo smascheramento.

Fino a questa mattina, questa storia era ancora non confermata, con molti media controllati dai liberals che denunciavano queste notizie come false e fabbricate ad arte per attaccare il Presidente Obama. Tuttavia, pochi minuti fa Eli Lake di Bloomberg ha confermato che si trattava effettivamente di Susan Rice, responsabile di aver più volte passato ai media i nomi dei sorvegliati facenti parte del team di Trump, in quello che potrebbe essere soprannominata l’ennesimo ‘cospirazione’ per delegittimare il presidente degli Stati Uniti.

La Casa Bianca il mese scorso ha appreso che l’ex consigliere per la sicurezza nazionale, Susan Rice ha chiesto l’identità delle persone degli Stati Uniti in rapporti di intelligence in decine di occasioni durante il periodo di transizione. Il direttore senior del Consiglio di Sicurezza Nazionale per l’intelligence, Ezra Cohen-Watnick, stava conducendo una revisione di routine delle trascrizioni quando ha scoperto che la Rice aveva libero accesso ai risultati della sorveglianza. Nel febbraio 2017 Cohen-Watnick ha scoperto molteplici richieste della Rice per rivelare i nomi di cittadini statunitensi in rapporti di intelligence che facevano riferimento alle attività di transizione del team di Donald Trump.

I rapporti dei servizi segreti sono riassunti delle conversazioni monitorate – soprattutto tra i funzionari stranieri che parlano di transizione Trump, ma anche in alcuni casi il contatto diretto oggetto della sorveglianza era tra i membri del team di Trump. Le relazioni contenevano informazioni politiche importanti sul periodo di transizione Trump, il punto di vista dei componenti il team di Trump in materia di politica estera e i piani per l’amministrazione entrante. Susan Rice non ha ancora risposto a queste nuove rivelazioni.

 

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s