Visto che nessuna misura antirecessiva sembra avere successo, a Ben Bernanke, alias Bernspan (personaggio mitologico frutto di un incrocio genetico tra Bernanke e Greenspan, suo più famoso predecessore alla presidenza della Federal Reserve), non rimaneva che stampare moneta per “rivitalizzare” i mercati. E’ quanto farà secondo l’annuncio dato ieri di voler acquistare 300 miliardi di dollari in titoli del Tesoro e ulteriori 750 miliardi in titoli garantiti da mutui.

Dopo una prima reazione positiva oggi Wall Street risponde con il rosso.

Gli analisti parlano di paure su un possibile balzo dell’inflazione nel lungo termine a causa delle decisioni della Fed. “Non si tratta soltanto di quanto altro possano mettere in atto, ma delle conseguenze che tutte le loro manovre avranno”, dice Alan Lancz, presidente di una società di consulenza sugli investimenti con base in Ohio. (Reuters)

Come dire, le autorità finanziarie stanno facendo tutto e il contrario di tutto, dando l’impressione di non saper più che pesci prendere per salvare un sistema ormai inesorabilmente fallito. Anche le Borse, a volte, seguono una loro logica razionale.

C’è comunque chi, nella follia generale, conserva ancora un pò di lucidità:

The inflation part is a leap of faith. If inflation is driven by the so-called “output gap,” i.e., how far the US economy is below potential output, then prices will not increase much, the yield curve steepens moderately, and banks make out like bandits (it’s just an expression).

But if the whole world is moving more into an emerging market-type situation then (a) inflation expectations become deanchored (central bank jargon for “really scary”), (b) potential output falls as we massively deleverage, and (b) people move increasingly into alternative assets – storable commodities spring to mind – and we get some serious inflation.

If oil prices jump, then we have an even bigger inflation problem. Oil is not storable, supposedly. But if you can explain to me exactly why oil prices rose as they did during the first part of 2008, despite the slowing global economy, I might be greatly reassured that we are not heading immediately into a runaway inflation spiral.

Si, potremmo sentirci tutti più rassicurati, soprattutto se i pompieri chiamati a spegnere l’incendio non fossero gli stessi che hanno appiccato il fuoco e non cercassero di salvare solo i banchieri.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s