Royal Bank of Scotland ha molte ragioni di doversi pentire per la sua partecipazione all’offerta da 71 miliardi di euro per lo “spezzatino” di ABN Amro nel 2007. Quell’operazione infatti ha contribuito non poco a creare il buco di 26 miliardi di euro di perdite nel 2008, il peggior risultato nella storia finanziaria della Gran Bretagna.

Oggi però può consolarsi, se vale qualcosa, con la medaglia d’argento, dietro Goldman Sachs, e il primo posto in Europa, nel Premio (vedi classifica) che ogni anno il Financial Times assegna ai broker le cui raccomandazioni “buy”, “hold” e “sell” siano risultate le più redditizie, grazie proprio, ironia della sorte, ai consigli offerti alla propria clientela dal team della divisione titoli di ABN Amro nel corso del 2008.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s