Non tutte le disgrazie capitano al Monte Paschi Siena, per fortuna. Sicuramente Unicredit se la passa anche peggio, per il suo coinvolgimento nello scandalo Madoff e l’ esposizione, non si sa quanto profonda, al buco nero della spazzatura tossica. Per non parlare di Banca Intesa compromessa per svariati miliardi nelle più grosse e dubbie operazioni industriali italiane, a cominciare dalla vicenda Alitalia.

Ma quando si finisce dalle stelle alle stalle, la notizia fa anche più rumore, soprattutto se la vittima della legge del contrappasso è uno che ha le mani in pasta anche qui in Italia ed ha amici fidati anche tra i soliti noti del nostro mondo bancario ed assicurativo. Stiamo parlando di don Emilio Botin che, dopo l’affare con il quale ha venduto al triplo del suo valore Banca Antonveneta, sembrava con il vento in poppa ed uscito indenne dalla crisi finanziaria mondiale.

Poi è arrivato l’affaire Madoff. “Se non comprendi del tutto uno strumento finanziario, non comprarlo”, diceva don Emilio e, aggiungeva, “Se non compreresti per te stesso uno specifico prodotto, non cercare nemmeno di venderlo”. Parole che devono essere risuonate davvero beffarde alle orecchie dei suoi clienti che hanno perso 2 miliardi e mezzo di euro nella “suola” rifilatagli dal Santander Optimal (davvero Optimus) Fund e che non hanno perso tempo nel portare l’ineffabile don Emilio in tribunale.

Ma ora don Emilio non deve fronteggiare solo una miriade di clienti incazzati per un investimento che il Santander definiva “impeccabile” e per il quale pagavano anche fior fior di commissioni, ma se la deve vedere pure con i soci della banca che hanno rotto il religioso silenzio nel quale si svolgevano le Assemblee presiedute dall’incontestato presidente.

L’ultima assemblea, svoltasi Lunedì, sembrerebbe essersi addirittura trasformata in una specie di corrida, con alcuni azionisti ad accusarlo di essere un “incompetente” e il buon don Emilio a chiedere l’intervento della forza pubblica, contestato, come se non bastasse Madoff, persino per il presunto incauto acquisto della Sovereign Bancorp di Boston. Cose dell’altro mondo per chi era abituato ad approvazioni bulgare e a far accettare le sue decisioni come dogmi di fede.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s