Qualche giorno fa l’effervescente nipote di Gianni Agnelli, Lapo Elkann, ha invocato in un’intervista al Giorno il sostegno della dea Fortuna per la sua famiglia e per Mirafiori. Dunque ora è ufficiale: per salvare la Fiat non è rimasto che affidarsi al culo. Ma la cosa si presta a numerose altre riflessioni. Soprattutto perchè ora i tecnici dovranno elaborare nuove teorie economiche e finanziarie che tengano conto anche di questa nuova variabile. Non so cosa ne pensa Buttiglione, ma il culo sarà sicuramente uno dei fattori fondamentali per lo sviluppo del nostro paese, dopo naturalmente il taglio delle tasse. E già vedo ad esempio le slide del prossimo piano industriale di Banca Antonveneta quantificare le percentuali di culo accanto a quelle del ROE, di impieghi, raccolta e così via. E non mi meraviglierei nemmeno che il culo diventasse uno dei criteri su cui basare i prossimi budget. Per i malcapitati, purtroppo, già alle prese con dati e percentuali ballerini, si prospettano ingarbugliatissimi calcoli ed estenuanti discussioni e contrattazioni. Unica nota positiva è che i lavoratori saranno finalmente autorizzati a poter dire che si tratta davvero di budget da culo.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s