Mentre nel pollaio padovano i polli sono intenti a beccarsi l’un l’altro per la spartizione del mangime, a Roma, nei salotti che contano, le vecchie volpi pianificano nuove stragi di galline. Fatto fuori il ministro liberalfantasista, uscite per il momento (ma c’è da giurarci che non sarà facile riagguantarle) dai guai giudiziari con una spolveratina sulle spalle, lontane da ambienti dove circolano pericolosi tapiri e incuranti delle proteste chiassose dei piccoli risparmiatori truffati, le vecchie volpi hanno ripreso in mano il mai dimenticato dossier andreottiano della grande banca vaticandicciromana. Oggi la chiamano “grande banca del Centro con forti radici al Nord” ma la sostanza non cambia. La sostanza è come addizionando 1+1+1 si riesca a fare sempre 1. Che è storia dell’ultimo decennio: salvare dalla bancarotta la cassaforte della prima repubblica, depositaria di occulti e indicibili segreti finanziari, incorporando i forzieri (in qualche caso vuoti) di altri istituti e mettendo insieme ricche banche (dissanguandole) con altre decotte. Risultato: una pattumiera. E come Re Mida trasformava in oro tutto ciò che toccava, le nostre volpi in questi anni hanno trasformato in un’altra sostanza, meno gradevole e preziosa del metallo aureo, tutto quello che hanno toccato. Facendo buoni affari, comunque. Hanno comprato per quattro lire Interbanca e BNA e le hanno rivendute ad Antonveneta decuplicando il guadagno e rimpinguando le proprie casse vuote, per esempio. Poco importa se hanno distrutto e dilapidato risorse finanziarie pubbliche e private, rovinato i piccoli azionisti, calpestato la dignità e la professionalità di migliaia di lavoratori. Quello che importa è il risultato, spacciato per un grande progetto di espansione: la Banca del Centro con forti radici al Nord. Queste volpi, tra l’altro devono avere un pubblicitario spiritoso e doppiosensista avendola chiamata Banca del Centro. Per questo l’operazione piace tanto anche a vecchi e nuovi diccì, dall’Alpi alle Piramidi, da Padova a Palermo, e, vedrete, si farà. Parafrasando una frase celebre, “Roma val bene una messa”.

Nota storica: Alla fine del ‘500, la Francia è sconvolta dalla cosiddetta guerra “dei tre Enrichi”. Enrico di Navarra con gli Ugonotti, Enrico di Guisa con la cattolica Santa Lega, ed Enrico III, re di Francia. Enrico III, mandante dell’assassinio di Enrico di Guisa, viene ucciso da un frate domenicano della Santa Lega. L’unico Enrico superstite è Enrico di Navarra – ugonotto e futuro Re di Francia col nome di Enrico IV – che potrà entrare a Parigi, in stato d’assedio da molti mesi, solo dopo la conversione. Si dice che egli, prima di farsi cattolico, abbia detto. “Parigi val bene una messa”.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s